Skip to content

Fenomeno Instagram, qualche dritta per usarlo bene

14 luglio 2014

Fotografare con Instagram non è fare vera fotografia? Forse è vero, ma non ci addentriamo nelle discussioni infinite che questa domanda potrebbe generare. La miglior risposta sta proprio nella definizione che quelli di Instagram danno del loro servizio, leggibile sull’home page del sito: “Cattura e condividi i momenti del mondo. Instagram è un modo facile, bello e divertente di condividere la tua vita con amici e famiglia“. Quindi tutto basato sulla velocità e il “cogli l’attimo”, anche se poi ognuno ne fa l’uso che ritiene più opportuno.

Come usare Instagram

Foto Rhys A. su Flickr

Il più famoso social network di foto che c’è fa questo e lo fa bene: scatti, se vuoi applichi un filtro e regoli l’intensità di alcuni effetti – novità introdotta da poco – e poi condividi. Le foto che scatti sono pubbliche, ma puoi anche renderle private e visibili solo a chi ti segue. È tutto molto veloce e piuttosto intuitivo, ma ci sono una serie di cose da sapere e da usare che migliorano l’esperienza di Instagram.

Qui di di seguito, dunque, abbiamo pensato di rispondere ad alcune domande e curiosità sull’uso di Instagram.

Cosa sono tutti questi #tag che accompagnano ogni foto?

Se su Facebook sono un mezzo flop e su Twitter si usano con parsimonia, Instagram è il luogo in cui gli amanti degli hashtag possono impazzire di gioia: se ne possono usare fino a trenta, inserendoli di preferenza nel primo commento.

I tag servono a cercare, a farsi trovare, a entrare nel flusso di un certo tipo di contenuti e anche a partecipare a concorsi o eventi. Ne è un esempio #igersitalia (igers vuol dire Instagramers, persone che usano Instagram), o #igers con l’aggiunta della propria città come #igersbologna: questi tag dicono al mondo di Instagram che fotografi in Italia e in che città. Parlare inglese vuol dire parlare al mondo e per esempio in questo periodo, per noi italiani, il tag #summer è chiaramente più indicato che mai.

Posso usare Instagram dal pc?

Sì, si può, in maniera più o meno limitata a seconda di cosa si usa per esplorare il mondo di Instagram. Su pc è sufficiente inserire l’indirizzo web instagram.com/+ il nome che utilizzi o quello di qualcun altro per vedere tutte le foto dell’account in questione. Ogni foto può essere inserita in un altro post o altro contenuto sul web – si dice embeddare – attraverso il codice che si ricava cliccando sui tre puntini in basso in ogni foto. Questo ci porta poi al tema dell’attribuzione della foto che vedremo tra poco.

Iconosquare

La home page di Iconosquare, con il bottone (in alto a destra) per iscriversi attraverso Instagram

Un altro buon mezzo per esplorare Instagram da pc è Iconosquare che aggiunge un po’ di funzionalità alla gestione di un account. Ovviamente puoi visualizzare le tue foto e organizzarle in album, puoi guardare quelle di chi segui e di chi ti segue e scoprire foto nuove tramite nome di un altro utente o tag. Iconosquare – prima conosciuto come Statigram – dà anche statistiche, gestione dei commenti (utili anche per chi usa Instagram per promuoversi online), segnalazione di contest e altro tra cui anche la possibilità di “ripostare” le foto di altri utenti, con un comando che spedisce la foto desiderata al tuo indirizzo email perché tu la possa riusare. Ed eccoci quindi all’utilizzo delle foto altrui.

Mi piacciono le foto fatte da altri, posso usarle?

Hai fatto un bellissimo reportage fotografico di un evento o una vacanza ma hai dimenticato un particolare interessante? Forse qualcuno che era lì con te ha fotografato proprio quello che ti serve, e allora puoi usare la sua foto e aggiungerla alle tue o condividerla altrove. I mezzi tecnici ci sono, a partire proprio da Iconosquare, già citato prima, e app come Photorepost che in pochi click ti permettono la condivisione.

Qui il punto focale è l’attribuzione della fotografia al suo autore: con gli strumenti citati prima la foto di Instagram viene condivisa sempre con il nome della persona che l’ha scattata, ma è buona prassi chiedere il permesso per l’utilizzo o quanto meno notificarlo e rinunciare se la risposta è negativa. Non capita spesso di sentirsi dire di no – in genere le persone acconsentono volentieri a un uso sensato di una loro foto – ma per qualche motivo invece potrebbero non desiderarlo ed è bene rispettare il loro volere.

Vorrei mettere su Instagram le foto che ho sul computer, come faccio?

Caricando le foto sullo smartphone, inviandotele via mail o prendendole da Dropbox (con il comando esporta) e “passandole” una a una su Instagram. Può essere un lavoraccio se le foto sono molte.

Un metodo alternativo può essere Instapult, che pubblica le foto (anche programmandole) su Instagram e può essere utile a chi usa il social delle foto per lavoro e che però è a pagamento dopo una settimana di prova.

Posso stampare le mie foto di Instagram su poster, magneti, cover dei cellulari e altro?

Magneti da Instagram

Magneti realizzati con foto fatte con Instagram – Foto da Lisa Brewster su Flickr

Accomodati, sul web c’è l’imbarazzo della scelta. Printstagram Sticky9  sono solo alcuni dei nomi di servizi creati per toccare con mano, in forme diverse, le proprie fotografie scattate con Instagram.

Risorse utili: Instagramers Italia, la community italiana degli appassionati di Instagram

Hai scoperto altri modi interessanti e divertenti di usare Instagram? Aspettiamo i tuoi suggerimenti nei commenti!

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: