Skip to content

IPv4, IPv6: che differenza c’è? E me ne dovrebbe fregare qualcosa?

2 ottobre 2011

Forse l’avete sentito: stiamo per passare dall’IPv4 all’IPv6. Se siete dei tecnologi, dei geek o dei nerd, saltate pure questo post. Se siete degli esseri umani normali, con un minimo di interesse verso Internet, leggete. Perché la cosa ci riguarda tutti. E proprio per questo la cerchiamo di spiegare in un linguaggio accessibile a tutti. Inevitabilmente commettendo qualche errore di semplificazione, che gli esperti speriamo ci perdoneranno in nome della divulgazione 😉

l’IPv4 è il “protocollo di comunicazione”, diciamo la lingua che è stata sviluppata parecchio tempo fa per permettere a computer, router e tutti gli altri device collegati a Internet di parlarsi fra di loro. Di scambiarsi informazioni. E soprattutto di “trovarsi”. Ogni device connesso in rete ha infatti un indirizzo – il cosiddetto indirizzo IP (avete presente quei numeretti tipo 192. 198.1.10? Ecco, quello è un indirizzo IPv4). Anche voi, quando vi collegate a Internet vi beccate un indirizzo IP assegnato dal provider, che è l’identificativo che permette alla vostra macchina di connettersi.

Quel che è capitato è stata in parte una cosa tipo Millennium bug. Quando, tanti anni fa, è stato sviluppato il protocollo IPv4, nessuno si sognava che ci sarebbero stati miliardi di computer connessi a Internet. Nessuno aveva previsto il successo galattico di Internet. E nessuno aveva previsto che non ci sarebbero stati, collegati alla Rete, solo computer con dietro delle persone; ma anche cellulari e soprattutto macchine senza umani dietro. Sensori, videocamere, distributori di bevande, televisori, automobili, lavatrici, slot machine, ascensori… miliardi di apparati che per comunicare con un computer centrale (e la Rete) usano Internet. Quella che si chiama la “Internet of Things”. E tutti questi apparati hanno bisogno di un indirizzo. Il problema è che un indirizzo è come un numero di telefono: non ce ne possono essere due uguali. Ognuno deve avere il suo.

Così, da un po’ di tempo, ci si è resi conto che gli indirizzi sarebbero presto finiti, e si sarebbe rischiato di non potere più accettare nuovi computer su Internet. Grosso problema, specialmente contando che stanno arrivando miliardi di nuovi utenti da Cina, India e altri paesi emergenti. Che hanno bisogno di nuovi indirizzi.

Problema risolto. Se IPv4 può arrivare al massimo a 2 alla trentaduesima indirizzi, IPv6 è fatto per poterne avere 2 alla centoventottesima potenza. E quindi per un po’ potremo stare tranquilli.

IPv6 ha però anche altri significativi miglioramenti, che magari l’utente medio non noterà, a parte una certa maggiore rapidità nel collegamento, grazie ad una maggiore efficienza nell’instradamento dei pacchetti di dati… (ooops, siamo scivolati in descrizioni tecniche, chiediamo scusa…) ma che semplificano molto la vita dei tecnici che devono gestire e tenere in piedi grandi reti di comunicazione, come ad esempio noi provider. Inoltre, si dovrebbe avere un significativo aumento della sicurezza dei nostri dati quando sono in giro per la Rete. E, tra le altre cose, IPv6 è studiato per far funzionare meglio Internet Mobile, dato che siamo sempre più attaccati alla Rete sui nostri smartphone.

Anche se gli indirizzi IP sono già finiti (in alcune aree del mondo) già da qualche mese, con un po’ di trucchetti e ingegnose scappatoie si è finora riusciti a cavarsela (con effetti collaterali negativi, ad esempio sulle velocità di connessione/ampiezza di banda); nel frattempo è stato sviluppato il nuovo protocollo, testato su scala mondiale (qualcuno magari ha sentito parlare dell’IPv6 day, tenutosi nel mondo l’ 8 Giugno scorso).

Cosa devo fare per non avere problemi?

In realtà niente. Vi raccontiamo una storia. Uno dei nostri clienti è una società commerciale di cui gestiamo la rete e con cui abbiamo deciso di fare un test “sul campo”. Abbiamo distribuito a tutta la rete, nostra e loro, indirizzi IPv6 e hanno cominciato a navigare in IPv6. La maggior parte degli utenti di questa rete non si è accorto di nulla e stanno ancora navigando in IPv6… senza saperlo!

Quindi, se il provider lavora bene, l’utente non si accorgerà di nulla. E uno di questi giorni probabilmente vi ritroverete a viaggiare con IPv6 senza nemmeno accorgervene (o magari sentendo che state andando un po’ meglio, in Rete).

Ehiweb e l’IPv6 – un impegno che dura da anni

Noi non siamo stati a guardare in questi anni e, pur usando nel migliore dei modi il nostro spazio di indirizzamento IPv4 per poterlo utilizzare il più a lungo possibile, abbiamo cominciato a lavorare su IPv6 per farci trovare pronti.

Abbiamo tanti pezzi di rete da rendere “IPv6 enabled”. In particolare pensiamo al “core”, il punto nevralgico della nostra rete, al datacenter dove ospitiamo i nostri server e quelli dei clienti, e alla nostra rete ADSL.

Per poter mettere in pista IPv6 sulla nostra rete, i nostri top tecnici si sono armati di buona volontà e hanno frequentato corsi, oltre a studiare sodo per implementare in ufficio un vero e proprio laboratorio di simulazione per questa attività.

Dopo una prima fase di test di laboratorio, abbiamo definito una roadmap per rendere la nostra rete “IPv6 Ready”. Stiamo lavorando molto intensamente perché il passaggio a IPv6 dovrà essere indolore e senza problemi; e da quel che vediamo ci riusciremo sicuramente, sia per quello che riguarda la rete, sia per quello che riguarda l’hardware che vendiamo di più, cioè i Fritz!

Abbiamo eseguito numerose prove con IPv6 sul Fritz! e con la collaudata sinergia del supporto tecnico di AVM abbiamo creato le prime configurazioni IPv6 sulla nostra rete d’accesso ADSL, pronte per essere utilizzate nella fase “on the road”.

Insomma, come al solito, cerchiamo di prenderci carico della complessità, perché ai nostri clienti resti solo la facilità…

Photo: 32104790@N02

Annunci
11 commenti leave one →
  1. 2 ottobre 2011 22:03

    Ciao,come di consueto, il mio commento positivo per il vs operato sempre pronto,attento ma sopratutto chiaro per tutti sia tecnici che non.Che dire….. grazie delle vosrte cure e premure, speriamo che non vi stanchiate mai di coccolarci.
    Antonio CHESSA.

    • ehiwebsocial permalink*
      4 ottobre 2011 10:31

      Ciao Antonio, grazie a te per i complimenti 🙂 Noi, oltre ad offrire servizi, in questo blog cerchiamo di “fare cultura”, trattando anche di argomenti tecnici, ma utilizzando sempre con un linguaggio semplice. E questo, perchè la tecnologia non deve spaventare, ma supportare le persone, anche e soprattutto se non sono proprio dei nerd :). Grazie ancora Antonio e non ti preoccupare: continueremo sempre a coccolarvi.

      • 4 ottobre 2011 10:40

        Scusate, visto che a suo tempo ho scritto un articolo sui Databases usando un linguaggio estremamente semplice e poco tecnico, ma corredandolo anche di script per chi avesse voluto provarli a patto di onoscee il linguaggio python, perché in quel linguaggio sono scritte le procedure,che ne direste se ve lo mando e magari poi prendereste la decisione di pubblicarlo?

  2. ehiwebsocial permalink*
    5 ottobre 2011 16:40

    Ciao Antonio,
    mandaci pure l’articolo, saremo ben felici di leggerlo e magari prendere spunto per futuri post.
    Grazie ancora e ciao.

  3. 10 ottobre 2011 17:18

    Un caldo grazie da parte di una non addetta ai lavori a cui piace però sapere e conoscere anche le cose più difficili che riguardano il mondo del web 🙂

    • ehiwebsocial permalink*
      10 ottobre 2011 18:15

      Ciao itesoridiamleta,

      grazie a te per il commento. Come dicevamo ad Antonio, ci fa davvero piacere che questi post possano servire a far conoscere alle persone quelle che giustamente chiami “le cose più difficili del web” e nella maniera più semplice possibile 🙂 .

      Grazie ancora e ciao.

  4. 11 ottobre 2011 12:58

    Ehi ragazzi Luca e compagni, vi ho mandato l’articolo inerente al db che vi avevo preannunciato,essendo abbastanza corposo l’ho mandato con 2 e-mail, desidero solo sapere se vi è pervenuto. Nel caso non sia arrivato volete dirmi come inviarlo?Grazie Antonio Chessa

    • ehiwebsocial permalink*
      13 ottobre 2011 14:31

      Ciao Antonio, abbiamo ricevuto l’articolo ed è davvero molto chiaro e interessante.
      Come detto, ne traeremo spunto per futuri post.
      Grazie ancora e ciao.

  5. 23 settembre 2014 15:50

    salve a tutti. Ho letto il vostro , finalmente comprensibile, articolo, rispetto ad altri solo per esperti. Avrei una domanda, Ho chiesto inutilmente al mio provider informazioni al riguardo. Il passaggio dall’IPV4 all’IPV6, nel mio PC fisso, è avvenuto quando ho aggiornato i driver. Ora, mi chiedo se devo lasciare la configurazione (dns, I.P, subnet, etc.) inalterati o da “proprietà” delle schede sia del wi-fii che della LAN, devo lasciare “ottieni auromaticamente”. Per fare un’esempio, ho cambiato i dns dell’ipv4, scegliendo quelli più veloci. Ma ho fatto caso che, volendo fare lo stesso all’ipv6, l’aspetto è diverso; non ci sono solo 4 numeri da inserire separati da puntini (scusate il gergo poco tecnico), infatti inserendoli mi dice che l’inserimento è sbagliato. Concludo, e vi ringrazio per ogni aiuto. C’è un articolo o pagina web dove è possibile vedere o leggere passo passo come configurare il collegamento IPV6. Grazie per la pazienza. Un caloroso saluto, Paolo.

  6. ehiwebsocial permalink*
    23 settembre 2014 22:46

    Ciao Paolo (o Marco 🙂 ),

    quel che ti possiamo dire è che devi verificare se il tuo attuale provider ti fornisce degli indirizzi IPv6.

    Sul tuo PC devi lasciare tutto automatico, in DHCP (come si dice in gergo).

    A presto!

Trackbacks

  1. Verifica la tua connettività IPv6 |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: