Skip to content

PMI green: cosa significa davvero “essere sostenibili”? Parliamone!

19 giugno 2011

Nel nostro DNA aziendale (che discende da quello personale, dei fondatori di Ehiweb e delle persone che ci lavorano), l’attenzione all’ambiente è un fattore forte. Ed è una problematica che ci accompagna.

Ma non è per niente facile, diciamocelo onestamente. Anzi, c’è un modo facile – fare il “greenwashing”, cioè dare ampia notorietà ad un paio di iniziative o di cosette o di dichiarazioni d’intenti, in modo che il pubblico si faccia l’idea che sei un’azienda “verde” – ma poi sulle cose importanti non fare niente. Ed è un approccio che può dare dei vantaggi, purtroppo (almeno fino a quando non ti beccano).

Tolte le cose banali, come spegnere la luce e separare i rifiuti aziendali, adottare comportamenti più ecologici è faticoso, complesso e costoso. E quest’ultimo fattore per aziende come noi (e tante altre) è un bel problema, perché molta gente, per scarsa cultura o per oggettivi problemi di budget cerca solo il prezzo più basso (come nel caso delle ADSL) e non guarda tanto per il sottile, non va a esaminare “cosa c’è dentro” a quello che compra e all’impatto del proprio acquisto.

Noi ad esempio sensibilizziamo anche il nostro fornitore di hardware (tutta la gamma dei prodotti Fritz!, per capirci), perché ci proponga prodotti sempre più a basso impatto. Non usiamo mezzi a petrolio per le consegne, ma gli Urban Bike Messengers, i corrieri ciclisti, a zero emissioni nocive. Valutiamo su base più o meno continuativa nuovi approcci, nuove soluzioni per ridurre il nostro impatto. Ed anche questo è un costo: significa investire ore di lavoro sul problema e distoglierle dal nostro core business. Ma è un costo che ci prendiamo volentieri, ed è uno dei motivi per cui a volte facciamo tardi in ufficio.

Da un lato siamo però anche facilitati, dato che il nostro business si può dire sia intrinsecamente ecologico: facciamo comunicare di più la gente facendola viaggiare di meno, ad esempio. E comunque non si può far finta di niente, l’ambiente deve essere protetto; e anche dal punto di vista aziendale è fondamentale ridurre i consumi energetici, in un mondo dove ci sarà meno energia e dove costerà più cara.

Per affrontare il tema abbiamo (anche) adottato un approccio che ci è caro e che abbiamo visto funzionare: parlarne con voi. Con quelli che ci seguono. Abbiamo avviato una discussione su Facebook e su LinkedIn. Su Facebook abbiamo messo in piedi un sondaggio ricevendo più di 500 risposte alcune divertenti e vari commenti. Sono uscite delle cose già note, altre di buon senso (es. scollegare tutti i caricabatterie direttamente dalle prese della corrente) e chi ha fatto delle precisazioni. Ad esempio:

“Il bus non è a impatto zero. I pannelli solari sono inefficienti se si calcola il costo energetico per produrli e smaltirli, l’inquinamento prodotto dal processo di costruzione e smaltimento, e il loro rendimento totale. Cambiare tutti gli elettrodomestici (se funzionano ancora) con altri nuovi a consumo minore non è detto che sia così sensato (stesso discorso dei pannelli solari, il costo di produzione contro il risparmio nell’uso). Questo vale anche per le automobili, per la cronaca.”

Su LinkedIn abbiamo fatto un sondaggio per le aziende e PMI, che potete sequire qui. La maggioranza delle risposte va per una razionalizzazione e un risparmio energetico.

E sul gruppo di Ehiweb abbiamo avviato una discussione, dove si è volato più alto, tutto sommato, come in questo caso: “…mancano le risorse economiche per riconvertire le strutture. Strutture , non dimentichiamo, che sono in massima parte state progettate negli anni ’60, se non prima, con i concetti dell’epoca.”

Vorremmo però andare avanti, da un lato fomentare la discussione sul tema a livello generale, dall’altro individuare azioni concrete che possano aiutare la nostra azienda a impattare di meno – e a cercare di essere più efficiente anche dal punto di vista economico sprecando meno. E condividere questi spunti con tutte le aziende, specialmente le PMI, che sono il nostro gruppo di riferimento.

Proviamo a fare anche questa, tutti insieme?

Foto: The Victorian Greens

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 20 giugno 2011 17:03

    Gent.li Amici vi segnalo mio artico su quello che ritengo sia la part più antipatica della sostenibilità oramai possibile ritrovarla in ogni angolo http://www.hotelsostenibile.com/mag/redazionale/greenwashing-il-verde-dei-furbetti

    Saluti

    Biagio Duca

    • ehiwebsocial permalink*
      21 giugno 2011 09:48

      Grazie Biagio!
      Abbiamo letto con interesse il tuo articolo molto completo su questi temi. Come dici anche tu le cose stanno cambiando ed è un bene che si parli sempre più di tematiche ambientali, anche se le norme giuridiche nel nostro paese stentano ad aggiornarsi. Qui abbiamo proposto un sondaggio diretto proprio alle aziende che potrebbe interessare anche te.

  2. casnaghi permalink
    23 giugno 2011 12:08

    un contributo si può trovare in Planet Life Economy Foundation Onlus (www.plef.org), libera Fondazione senza scopo di lucro che si occupa di dare concretezza ai principi della Sostenibilità al fine di includerli nelle dinamiche gestionali dell’impresa (strategie, competitività, valore aggiunto, finanza, processi produttivi, ecc.) facendo attenzione alle reali aspettative dei cittadini/consumatori (qualità di vita, emozione, piacere, divertimento). PLEF promuove la realizzazione di un nuovo modello economico e sociale in grado di creare vero “Valore”(economico, sociale, ambientale, umano) e occupazione, superando le tesi contrapposte della “Crescita” o della “Decrescita”.

    • ehiwebsocial permalink*
      23 giugno 2011 13:11

      Grazie della segnalazione. Abbiamo visitato con interesse il sito della Onlus e la fan page su Facebook. 🙂

  3. 24 giugno 2011 15:42

    Giusto mercoledì ho avuto occasione di presentare un talk su come costuire un’azienda distribuita 🙂

    http://www.slideshare.net/miziodel/come-costruire-unazienda-distribuita-con-python

    a riguardo mi viene in mente che se evitiamo di spostarci in macchina/treno/aereo ogni volta che la cosa si puo’ evitare, quello sì è sostenibile!

    • ehiwebsocial permalink*
      26 giugno 2011 12:45

      Ciao Maurizio,
      le tecnologie che migliorano la comunicazione e la gestione a distanza sono fondamentali per ridurre gli spostamenti, qualche volta, però, è importante vedersi faccia a faccia (come dici nella tua presentazione). Perciò crediamo che ridurre gli spostamenti sia sostenibile, ma viste le esigenze odierne ancora più sostenibile per la nostra società sarebbe continuare a investire e fare ricerca nei mezzi di trasporto a impatto ridotto. Il nostro contributo inizia utilizzando uno dei mezzi più vecchi e sempre validi: la bicicletta 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: